Da oltre due anni sembra essere diventata la panacea a tutti i mali: il “modello Genova” – inteso da chi ne parla sostanzialmente come l’aggiramento del codice degli appalti e l’affidamento della realizzazione delle opere a un commissario straordinario – viene indicato da tanti come una soluzione per sbloccare l’economia e i cantieri. È un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

’Ndrangheta, via al maxi-processo a Lamezia Gratteri: “Segnale a chi in Calabria denuncia”

prev
Articolo Successivo

Per chi suona la notifica?

next