Referente dell’ultradestra neonazi milanese, tra i capi della curva nord dell’Inter, settore Irriducibili, con ottimi contatti nel milieu mafioso. Domenico Bosa, detto Mimmo Hammer, arrestato nel gennaio 2020 in un’inchiesta del Gico, ieri è stato condannato a 3 anni e 6 mesi per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. La Finanza spiega i rapporti di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Leonardo, trovato il libro mastro delle tangenti

prev
Articolo Successivo

’Ndrangheta, via al maxi-processo a Lamezia Gratteri: “Segnale a chi in Calabria denuncia”

next