Una nuvola virtuale che dovrebbe contenere tutti i dati e le informazioni dei cittadini e della Pubblica Amministrazione, togliendoli di fatto dai database fisici che ad oggi li custodiscono, nel 95 per cento dei casi in modo poco sicuro e certo non all’avanguardia. Il parallelismo è semplice: così come gli archivi cartacei diventano presto obsoleti, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il “cloud” Ue rischia di nascere già in mano ai big Usa e cinesi

prev
Articolo Successivo

Il regno di Big Tech: Finanza e rendita dominano i colossi

next