Il dopo-Conte per 1.500 lettori

5 Dicembre 2020

Era il 1959quando Enzo Forcella scrisse per Tempo presente il pezzo definitivo sul giornalismo politico italiano: “Millecinquecento lettori”. Cominciava così: “Un giornalista politico, nel nostro Paese, può contare su circa millecinquecento lettori: i ministri e i sottosegretari (tutti), i parlamentari (parte), i dirigenti di partito, sindacalisti, alti prelati e qualche industriale che vuole mostrarsi informato. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.