“Anche il matrimonio ha la sue vittime, come la guerra”. Questo affondo, che sventuratamente più contemporaneo non potrebbe apparire, è in realtà stato scritto 140 anni addietro, nel 1882. È fondamentale ricordare la sua autrice, Virginia Tedeschi Treves (1849-1916), che per ragioni troppo ataviche da enucleare (un piccolo sforzo, su: pensiero dominante patriarcale, machismo culturale, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Terremoto Lega: Salvini cambia i commissari regionali (e non tutti sono contenti)

prev
Articolo Successivo

Dal divorzio alla parità economica sul lavoro, ma quanta strada c’è ancora da fare

next