Quando il voto è quasi acquisito il ministro per i Rapporti col Parlamento Federico d’Incà (M5S) esce dall’aula giulivo e si presta alla battuta del leghista Luigi Augussori: “Ora dovrete iniziare a cantare Meno male che Silvio c’è…” punge il senatore intonando il celebre inno del PdL sull’uscio della buvette. D’Incà sorride sornione. Ché sì, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Corte dei Conti: risposte al Covid in grave ritardo per 13 Regioni

prev
Articolo Successivo

Puglia: la prima regione giallorosa

next