Per i suoi amici, gli agenti Porto e Peluso (il primo collaboratore esterno, il secondo appartenente ai servizi, come ha accertato la Mobile di Caltanissetta) con cui era stato detenuto a Santa Maria Capua Vetere, il suo nome in codice era “Cobra’’, o “Pedro’’, o ancora “Gabriel’’. Per la Dia era la “fonte Ugo’’, di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Addaura? Messaggio per ‘pizza connection’”

prev
Articolo Successivo

Matteo R. come papi Silvio B.: “Indagine Open via da Firenze”

next