Terreni trasformati per il 75% in campi agricoli, coperti di cemento, inghiottiti da bacini idrici; due terzi dell’ambiente marino cambiato da allevamenti ittici, rotte marittime e altri progetti; tre quarti di fiumi e laghi utilizzati per le coltivazioni o l’allevamento; ancora, zone umide drenate fino all’83%, rifiuti di plastica aumentati di dieci volte dal 1980, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno