Voleva una strategia “modulare” con chiusure “differenziate”, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, pensata con Roberto Speranza e costruita con Dario Franceschini: e così andrà. Il premier spingeva per il coprifuoco nazionale il più tardi possibile, ed è passata la sua linea anche su quello, con il tutti a casa fissato per le 22. Anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Polizia, controlli difficili “Saranno a campione”

next