Sono passati quasi 18 mesi dalla scomparsa di David Solazzo. Un anno e mezzo nel quale la morte del cooperante fiorentino, avvenuta il primo maggio 2019 a Sao Felipe, nell’isola di Fogo a Capo Verde, è rimasta avvolta nel mistero. Se non per una sola, allarmante novità: tra 5 giorni la magistratura capoverdiana chiuderà le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Ritorno all’infanzia. Il viaggio, spaventoso come un nubifragio, dolce e sregolato come un sogno

prev
Articolo Successivo

Più del corpo, la voce. L’antica arte della seduzione

next