Addio alle cene al ristorante, all’aperitivo serale e ai bar dopo le ore 18, nonché la domenica e nei giorni festivi. Addio al cinema, al teatro, alla palestra, alla piscina. Non c’è il coprifuoco inteso come divieto di circolazione notturno, già disposto con le ordinanze regionali in Lombardia (dalle 23 alle 5), in Campania (gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Chiusure alle 18, spostamenti e scuola: i tre nodi della stretta

prev
Articolo Successivo

Natangelo

next