“Venivamo trattati peggio degli animali ed è quello che siamo finiti per diventare”. Yoon Young Cheol lavorava per il governo nordcoreano al confine con la Cina, quando a 30 anni è stato arrestato dalla Bowibu, la “polizia segreta” di Pyongyang. “Ho chiesto per giorni e giorni: Perché? Perché sono stato arrestato?”. Che fosse stato accusato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La conciliazione: “Glovo assuma il rider o gli paghi 12 mila euro”

prev
Articolo Successivo

Anche Borat fa arrabbiare Mr. Trump: “È un verme”

next