L’ultima frontiera, il principe dei tabù, sta per cadere. Perché il 21 settembre per il Movimento non è stato solo il giorno in cui il taglio dei parlamentari, su cui tante fiches avevano puntato, è diventato realtà. Ma pure quello in cui la realtà – stavolta in carte in tribunale – ha bussato alla loro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Simbolo e iscritti: perché Casaleggio non può usarli

prev
Articolo Successivo

Bonus 600 euro. Fuori i nomi dei parlamentari: l’Inps deve darli

next