“Quando sei arrivato” gli raccontò Chirone, “eri nato da poco, non facevi altro che piangere. Io non avevo di che nutrirti, e allora ti ho dato da mangiare la parte più morbida degli animali, il midollo del leone. Ora è dentro di te, sei diventato tu il leone”. Chirone allevò Achille per sette anni, lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Senza guida nel “Futuro” di Beatrice

prev
Articolo Successivo

Quel coraggio di immaginare, e di spaccare tutto, delle “ragazze Z”

next