In un momento in cui si vanno sperimentando collettivamente diverse soluzioni per accompagnare l’innovazione linguistica in una direzione più inclusiva, effequ ha a sua volta avviato una riflessione sul proprio ruolo di attore culturale, adottando questa soluzione con l’idea di un’editoria ricettiva ai nuovi immaginari in circolazione sul piano dei contenuti quanto su quello degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Caso Bobbitt Lorena, le forbici e John Wayne. Un bel corno a volte è meglio di un taglio netto

prev
Articolo Successivo

Carla Nespolo: “La Resistenza si batteva anche per le donne. Nella Costituzione c’è già tutto”

next