Era innanzitutto la sua partita, giocata in prima persona. E ora rivendica di aver accettato i rischi: “Sono orgoglioso di aver fatto la campagna per il Sì, esponendomi molto. Ho ricevuto molti attacchi, l’avevano trasformato in un referendum sul Movimento e su di me”. Cioè su Luigi Di Maio, ex capo politico del M5S. Cosa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Taglio seggi: il Sì trionfa col 70%. Regionali, il Pd salva i giallorosa

prev
Articolo Successivo

Meno parlamentari: adesso via a correttivi e stipendi da tagliare

next