L’onda lunga di un confronto senza sconti è un Movimento spaccato, su dove andare e come. Ma l’altra faccia della frattura raccontata da Facebook è un dato, ossia che per un bel pezzo della gente a 5Stelle il voto disgiunto non è eresia o tabù: casomai la via per sopravvivere ed evitare il burrone. “Per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La sfida nel paese di Conte: “Il Sì vince. Emiliano chissà…”

prev
Articolo Successivo

Rossanda, la ragazza rossa ed eretica del secolo scorso

next