Se non è l’Armageddon, poco ci manca. La partita della Toscana non riguarda più solo il mito della regione rossa e la frattura – condita da una buona dose di campanilismo – tra il centro (la “ricca” Firenze) e la periferia (la “povera” costa). Alle elezioni regionali di domenica, in ballo c’è molto di più: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Rischio Puglia e Giani debole: colpa di Renzi

prev
Articolo Successivo

Di Battista dice Sì. Il ritorno sul palco però è un azzardo

next