In una lettera all’amico segreto e castamente amato Wilhelm Fliess, Sigmund Freud scrive di aver finalmente compreso che il primo grande amore di ogni esistenza è la madre, responsabile dell’inconscio (in bilico con il conscio) primo svezzamento sentimentale. Deve esserne in qualche modo convinta anche la storica Noemi Ghetti, poiché le parole dello psicanalista viennese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La denuncia di 128 Ong: “300 milioni di indigeni cacciati in nome dell’ambiente”

prev
Articolo Successivo

“Ratched”, l’Angelo Ombra capace di trasformarsi in Eroina

next