Nella fredda sala del Campidoglio di quel fine settembre del 1990 (il 26, ndr), gli addetti alle pompe funebri sigillarono la bara di Alberto Moravia e gli amici si accorsero con meraviglia di una croce di legno sul coperchio che provarono a strappare. Tenuta in spalla da Bernardo Bertolucci, Enzo Siciliano, Enzo Golino e il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Possiamo scambiarci i fogli?” I mille quesiti dei miei piccoli alunni

prev
Articolo Successivo

Quell’“Orrido famigliare” sepolto in fondo alle foibe

next