“Maestro, ma l’Azzolina vuole che prendiamo i fogli di carta?”. Nell’anno scolastico 2020/2021 il nome più citato dai miei alunni in questi primi due giorni di scuola è quello della ministra dell’Istruzione. Fino al mese di marzo neanche sapevano chi fosse, ora tutti i bambini la conoscono. Nel bene e nel male: se devono fare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Hanno ucciso don Roberto, la dolcezza è aiutare ancora”

prev
Articolo Successivo

Troppi indifferenti a Moravia

next