Lo chiamano Parco Verde dal colore slavato delle brutte palazzine che circondano la piazza di spaccio di Caivano. Ma di verde qui ce n’è poco, soffocato da cartacce e rifiuti. La bara bianca di Maria Paola Gaglione arriva alle 16.15 tra palloncini a forma di cuore, colombe e gli applausi dei fedeli della parrocchia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Permesso premio al mandante dell’omicidio Livatino. Il cugino del giudice: “È un segnale”

prev
Articolo Successivo

Tv, testa a testa Floris-Berlinguer Del Debbio batte ancora Formigli

next