L’accordo sul Next Generation Eu (NGEu) è di fine luglio, ma come funzionerà il piano per la ripresa europea non è ancora chiaro. Forse per questo a qualcuno, persino agli interessati, è sembrata una notizia quella data – ieri in audizione in Parlamento – dal commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni: nessun Paese vedrà un euro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Altro che burbero! Il Bocca era sentimentale e geloso”

prev
Articolo Successivo

A Luglio aumentano gli occupati

next