Mercoledì prossimo, il 2 settembre, si apre a Parigi il processo sugli attentati del gennaio 2015 nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo e al supermercato kosher di porte de Vincennes. Si sarebbe dovuto tenere a maggio, ma poi l’epidemia di Covid-19 e il lockdown hanno messo in pausa anche i tribunali. Un processo necessario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Rete unica, il fronte del no perde pezzi: ora palla a Enel

prev
Articolo Successivo

Mediterraneo conteso: la Ue rimbrotta Ankara per finta

next