È il 31 dicembre 2019 quando le autorità cinesi segnalano all’Oms un cluster di casi di “polmonite ad eziologia ignota” a Wuhan, provincia di Hubei. I sintomi più comuni: febbre, tosse secca, mal di gola e difficoltà respiratorie. Una settimana dopo, verrà identificata la causa: un nuovo virus, appartenente alla famiglia dei coronavirus. È così […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Meno casi, ma il dato resta alto. “Guai ad abbassare la guardia”

next