Per capire il rilievo di quel che segue, un ritardo delle Regioni nella creazione dei nuovi posti di terapia intensiva previsti da una legge in vigore da maggio, serve una breve premessa. L’implicito scambio realizzato tra cittadini e Stato durante l’emergenza Covid è il seguente: noi accettiamo il lockdown e la relativa enorme crisi economica, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Meno casi, ma il dato resta alto. “Guai ad abbassare la guardia”

prev
Articolo Successivo

Lega: altre operazioni sospette Dodici bonifici a “The King”

next