È un destino bizzarro quello che lega Luca Palamara e Cosimo Ferri dal 9 maggio scorso, quello in cui furono entrambi intercettati nell’hotel Champagne di Roma, mentre discutevano, alla presenza di Luca Lotti e altri 5 consiglieri del Csm, della futura nomina della Procura di Roma. Finiti entrambi sotto processo disciplinare hanno entrambi tentato di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I 5 Stelle bocciano la riforma “pro Malagò”. Adesso Spadafora minaccia le dimissioni

prev
Articolo Successivo

“1,4 milioni di contatti con il virus” Sei volte in più dei contagi censiti

next