Il Piano di rilancio Ue post-pandemia premia l’Italia, ma sacrifica l’ambiente. Nessun rigoroso vincolo ecologico è previsto per il capitolo di spesa Resilience Recovery Facility (Rrf) che rappresenta la fetta più grossa del pacchetto:€672,5miliardi su un totale di 750 di cui l’Italia otterrà la percentuale più alta (il 28%) tra prestiti e sovvenzioni. L’accordo è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Quest’accordo è un paradosso: è storico, ma indebolisce le istituzioni comunitarie”

prev
Articolo Successivo

Mediaset va a tutta destra: in talk e tg solo Salvini e B.

next