Parte la prima grande rivolta dei giornalisti collaboratori, i “braccianti” dell’informazione, quelli che scovano notizie e raccontano storie per sette euro. A rendere la misura colma è stata la scelta del quotidiano Il Messaggero di ridimensionare ulteriormente i compensi: “Non abbiamo altra scelta. Per la dignità del lavoro, per il diritto dei giornalisti di informare, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bellomo, il giudice del “dress code” torna ai domiciliari

prev
Articolo Successivo

Emiliano e Zaia: che buono il vino di Vespa, specie se siamo in tanti e senza mascherina

next