Cento anni fa moriva Max Weber, per una polmonite violenta attribuita a uno strascico dell’epidemia di Spagnola. Nell’occasione Massimo Cacciari gli dedica un saggio (Il lavoro dello spirito, Adelphi) in cui torna a riflettere sulle due conferenze tenute nel 1917 e nel 1919, riunite da Mondadori con il titolo Il lavoro intellettuale come professione (con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Contagi, allarme all’aeroporto di Fiumicino. “Dal Bangladesh partono con la febbre”

next