Dopo essersi assicurato il finanziamento da 6,3 miliardi garantito dallo Stato Fca ha informato ieri il Parlamento con una audizione del suo responsabile per l’Europa e il Medio oriente, Pietro Gorlier, alla commissione Industria del Senato. E oltre alle rassicurazioni generali il dirigente della casa automobilista ha dovuto fare un’ammissione che non rassicura per niente: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Wirecard, lo schianto tedesco con il suo gioiello tecnologico

prev
Articolo Successivo

Sindaco liberale sfida Duda: in ballo c’è la Ue

next