La proposta dell’ad Rai Fabrizio Salini, approvata dal Cda (taglio ai compensi; taglio alle produzioni esterne; limite allo strapotere degli agenti, che non potranno avere più del 30% di artisti in un singolo programma; stop alla sovrapposizione dei ruoli di conduttore, agente e produttore), è tardiva, ma sacrosanta: il predominio dei super-agenti distorce il mercato, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Il riciclaggio si batte con certezza della pena e nessuna prescrizione”

prev
Articolo Successivo

Csm: più laici, ma nominati da Quirinale e Consulta

next