Le mutande verdi non finiscono mai. Il celebre acquisto rimborsato con soldi pubblici (come molti altri) dell’ex presidente leghista del Piemonte, Roberto Cota, non era stato considerato sufficiente in due gradi di giudizio per motivare una condanna per peculato nel processo per la cosiddetta “rimborsopoli” piemontese. Ora però ci si è messa di mezzo la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Per CasaPound c’è un ordine di sgombero”

prev
Articolo Successivo

Disoccupazione in calo: si perde anche la speranza

next