“Non c’è tempo da perdere, bisogna mettere da parte le guerre tra il Csm, l’Anm, il guardasigilli, i partiti. Cosa Nostra delinque senza soste, mentre noi litighiamo senza soste”. A quattro giorni dalla strage di Capaci, Giovanni Falcone affida a un giornalista parole drammatiche e premonitrici. Lo fa a commento di quei segnali di ferocia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Mia zia con i 600 euro si è comprata Alitalia e Fca

prev
Articolo Successivo

Il fanciullino eterno esiste: è una medusa

next