L’atavico e spesso irrisolto nodo tra cattolicesimo e liberalismo è il filo che tiene insieme una lunga conversazione tra il cardinale Camillo Ruini e il senatore già teocon Gaetano Quagliariello. Da una parte l’alfiere indomito della Chiesa interventista dopo la fine dell’unità politica dei credenti (il partito “unico” della Dc, mai clericale). Dall’altra uno storico, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Addio alle classi pollaio, si studia bene: manca solo il bonus-mamma

prev
Articolo Successivo

Vaccini, egoismo e guerra tra gli Stati

next