La Serie A non vuole la quarantena, perché con 14 giorni di clausura per tutta la squadra al primo caso positivo salterebbe qualsiasi calendario. Ma non vuole nemmeno i ritiri. Praticamente, non accetta le condizioni (quasi impossibili, va detto) che il governo per tramite del Comitato tecnico-scientifico ha posto al pallone per ricominciare il campionato. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Parenti, mattone e prebende: l’Assocalciatori tiene famiglia

prev
Articolo Successivo

A fuoco un’azienda chimica “Troppe denunce ignorate”

next