Chissà come ha fatto a tenersi su Matteo Salvini, chissà quanti caffè. Tutta la notte sul suo seggio al Senato a far nulla. Qualche diretta Facebook, una manciata di foto da pubblicare e poi il grande vuoto: è la manifestazione più noiosa di tutti i tempi. Una tortura autoinflitta: ore e ore vicino a Bagnai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Coronavirus e decreti, Zagrebelsky: “Chi dice Costituzione violata non sa di cosa sta parlando”

prev
Articolo Successivo

In ricordo di Bravo, allievo di Bobbio

next