Poche parole del presidente del Consiglio Superiore di Sanità e membro del Comitato Tecnico Scientifico, Franco Locatelli, sono bastate ieri a ridimensionare ore di pressing, proposte e speranze di governatori e sindaci su come si dovranno gestire i ragazzi quando, con le scuole chiuse, il 4 maggio milioni di italiani torneranno al lavoro. Poche parole […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le Regioni: “Chi ci rimborsa i costi per la fase 1?”

prev
Articolo Successivo

A giocare col Def si diventa ciechi…

next