Luca Zaia è bravo, sarà anche una risorsa nazionale, ma stia tranquillo. E al suo posto. Ovvero continui a occupare la poltrona dorata di Doge di Venezia, fuori dai giochi nazionali, nella periferia del Nordest dove si può anche essere il Numero Uno, senza fare però troppa ombra a Matteo Salvini. Nel rimbalzo tra un’intervista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Coronavirus, primario del Policlinico di Milano: “La fase 1 qui non è finita. La rianimazione è piena”

prev
Articolo Successivo

“L’ospedale in Fiera? Roba che fa ridere i polli…”

next