L’appuntamento è solenne, come ai tempi più neri della crisi dell’euro nel 2010-2011. È da allora che non si vedeva una riunione i così dell’Eurogruppo, il summit dei ministri finanziari dell’eurozona (ieri però in formato allargato a tutti i 27 Stati dell’Unione), un organismo non molto trasparente a cui sono affidate decisioni e lavori tecnici […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Marco dimesso, ma infetto: Gallera disse che era guarito”

prev
Articolo Successivo

Ritirato lo scudo ai medici. Un “tavolo” per l’immunità

next