In attesa della riapertura che, mettiamoci il cuore in pace, non sarà a breve, né definitiva, né totale (uno studio dell’Imperial College di Londra prevede una fase “a rubinetto” fino al 2022), è necessario fare un piano più preciso possibile, tenendo conto di tutte le conseguenze, non solo sociali, ma anche economiche. È ormai chiaro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Mascherine obbligatorie”. Ma sono merce rara

prev
Articolo Successivo

Il business delle Rsa private grazie agli anziani contagiati

next