Nel 2018 e nel 2019 il 25 Aprile è stato messo in sordina da un governo venato di sovranismo e di reminiscenze fascistoidi. Quest’anno lo impedirebbe la pandemia: un nemico ancora più insidioso e pervasivo. Perciò un gruppo di amici, stimolati da Carlo Petrini, Liliana Segre e Renzo Piano, ha deciso di promuovere una grande […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il virus, i detenuti e il bisogno di trovare dei ‘nemici’

prev
Articolo Successivo

Slogan e scemenze allo Stato brado del timorato Salvini

next