Urbano Cairo non si rassegna alla figuraccia con il video da “spogliatoio” dice lui, da “piazzista” dicono altri, per motivare i cacciatori della pubblicità del suo gruppo. Per rimediare, Cairo ha scelto la strada più breve e forse più complicata: cancellare dalla memoria l’esistenza stessa del video in cui fattura inserzioni pubblicitarie in quarantena per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’origine del virus resterà ignota

prev
Articolo Successivo

Il centro contro le epidemie fu rottamato da Ricciardi

next