Celebrare la messa equivale a “comprovate esigenze lavorative”. Venerdì 27 marzo – lo stesso giorno della preghiera solinga ed epocale di Francesco in piazza san Pietro – il ministero dell’Interno ha risposto ad alcuni quesiti posti all’autorità civile dalla Conferenza episcopale italiana. E lo ha fatto con una nota del Dipartimento per le libertà civili […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cina e Stati Uniti: la grande sfida alla pandemia mondiale

prev
Articolo Successivo

Una Serie A cicala che chiede l’obolo

next