Ho conosciuto Alberto Arbasino nel ’56. Lui già collaborava al Mondo di Pannunzio. Noi, in pochi a Voghera, lo leggevamo divenendo presto amici e facendo insieme un settimanale. Italo Pietra, già comandante partigiano, inviato del Corriere e direttore del Giorno, mi avrebbe poi detto più volte che la madre di Arbasino, Gina Manusardi, era di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Nonni, La strage non aiuta figli e nipoti

prev
Articolo Successivo

Briatore preoccupato per il Gp L’influencer per i morti sbagliati

next