Sembra tutto irreale, tranne quella voce che trema all’inizio. La voce del capo del governo che per qualche attimo è solo un uomo che avverte tutto il peso della responsabilità, della morte che non si ferma. “Sono giorni terribili, non avremmo mai pensato di vedere sfilare autocarri dell’esercito carichi di bare dei nostri concittadini” quasi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

L’asse Conte-Macron sui Coronabond: no di Olanda&Germania

next