Il primo effetto del Decreto della Presidenza del Consiglio (Dpcm) del 23 marzo, con cui si sono definite le attività essenziali, è che sappiamo cosa si intende per attività fondamentale in una economia integrata. Il secondo effetto è che ai fini del controllo da Coronavirus quella lista è troppo ampia, secondo i sindacati, comprendendo circa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ecco gli ostacoli giuridici più grossi di Conte&C. se vogliono rivolgersi davvero al super fondo

prev
Articolo Successivo

I cassieri, i camionisti e i rider: gli obbligati in trincea per decreto

next