La fede in tivvù. Non più un’eccezione riservata a credenti malati e disabili gravi, ma una regola per tutti i cattolici praticanti in questo surreale tempo pandemico. Il papa che recita l’Angelus solitario e “ingabbiato” nella Biblioteca del Palazzo Apostolico oppure che dice messa in streaming dalla cappella di Santa Marta. Chiese silenziose senza celebrazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Boban e Maldini, a scuola da Gazidis

prev
Articolo Successivo

Care dottoresse, occhio agli elogi, più insidiosi del Coronavirus

next