“È pronto…”. Il lavoro quotidiano del sindaco di Firenze, Dario Nardella, è scandito da intervalli regolari, uno a pranzo uno a cena, e da queste due parole. A chiamarlo è la moglie che, per non avere troppi contatti stretti con il marito, gli passa i piatti dalla porta. Poi ci sono i figli che vorrebbero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cosa ci lascia Gregotti, l’architetto di tutte le idee che verranno

prev
Articolo Successivo

GoFundMe: donazioni anti-virus e business

next