C’è un tizio, in Italia, che ha “passato tutta la notte a leggere il decreto” (l’ultimo firmato da Conte) e ne ha dedotto che “non basta” perché gli è parso di capire che “restano aperte le profumerie e i gioiellieri” e non se ne dà pace. Posto che si tratta del decreto più leggibile mai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Mannelli

next